Istituto

    Comprensivo

    Figino Serenza

    VIAGGIO IN POLONIA, IL DIARIO

    Domenica 9 febbraio 2020

    Arrivo a Varsavia e trasferimento a Kruszwica.

     

    Lunedì 10 febbraio 2020

    Oggi è il secondo giorno della nostra avventura in Polonia, a Kruszwica. E’ il primo giorno effettivo del nostro progetto e tra l’altro dobbiamo esporre la presentazione della nostra scuola e del nostro paese, sono molto agitato! Prima dell'esposizione, siamo andati a coppie nelle aule della scuola polacca. Io e Stefano ci siamo annoiati un po’ perché le lezioni erano in lingua polacca e noi non capivamo, non vedevamo l’ora di riunirci ai nostri compagni.

    Dopo la lezione siamo scesi in una palestra per l'avvio del progetto.

    Qui abbiamo ritrovato i nostri compagni e, con grande tensione, abbiamo esposto con successo quanto preparato in Italia.

    Finita la presentazione abbiamo pranzato con il cibo che le famiglie ci avevano preparato. Nel pomeriggio abbiamo fatto il nostro primo workshop che consisteva nel rappresentare in proporzione le distanze dei pianeti dal Sole, utilizzando come unità di misura il centimetro.

    E’ stato molto interessante vederci impegnati con altri ragazzi, cercando di farci capire attraverso la lingua inglese. E’ stata proprio una bella esperienza.

    Riccardo

     

     

    Martedì 11 febbraio 2020

    Alle 8 eravamo in partenza per Torun, la città natale di Copernico. Arrivati a destinazione siamo andati al museo della scienza in cui abbiamo svolto molti esperimenti utilizzando una gran quantità di strumenti e postazioni interattive.

    La visita al museo è stata molto interessante, interattiva e divertente. Terminata la visita al museo siamo andati al ristorante Azzurro dove abbiamo mangiato una pizza.

    Nel primo pomeriggio siamo andati al Museo del Pan di Zenzero per vedere e provare a cucinare questo tipico dolce polacco. Con il pan di zenzero si possono realizzare anche delle case tutte decorate! Quando lo abbiamo assaggiato ho scoperto che era come un pane speziato con un retrogusto piccante.

    Dalle 15:30 abbiamo fatto un giro nella città vecchia di Torun. Qui abbiamo visitato una torre pendente che ha una curiosa leggenda: chi riesce a resistere per un minuto sotto la parete inclinata della torre, con i piedi, la testa e le spalle appoggiate al muro si sposerà entro un anno.

    Alle 17:00 siamo rientrati a Kruszwica, ognuno nella sua famiglia.

    Francesco

     

    Mercoledì 12 febbraio 2020

    Il mercoledì abbiamo visitato una chiesa della cittadina di Kruszwica e, poi, siamo andati alla Torre dei topi;  è tutto ciò che rimane del castello trecentesco e dalla cima della torre si può vedere un bel panorama sul lago e su tutta la città industriale.

    E’ stata anche molto interessante la visita di un centro dedicato allo studio della fauna e della flora di Kruszwica.

    Durante il pomeriggio abbiamo seguito tre laboratori.

    Servendoci di due pendoli di masse diverse, abbiamo svolto l’esperimento per trovare l’accelerazione gravitazionale sulla Terra : abbiamo calcolato il tempo di oscillazione, ripetendo l’operazione per 10 volte. Così abbiamo ottenuto una media, riferibile allo scopo dell’esperimento.

    Nel secondo workshop, abbiamo verificato insieme quanto pesa 1 litro d’acqua sui vari pianeti e sulla luna. 

    Con l’ultimo esperimento, ci siamo divertiti a calcolare quante volte la terra può essere contenuta nel sole. Per rappresentare il nostro pianeta, ci siamo serviti di un tappo di plastica; io e il mio compagno Lanfranconi abbiamo disegnato per terra la circonferenza del sole e abbiamo verificato che, all’interno, ci stanno circa 11.900 tappi! Un modo molto concreto e divertente di fare scienza!

    Siamo ritornati a casa con la mamma della famiglia che ci ha ospitati, abbiamo cenato presto, alle sei, come si usa fare in Polonia! Quella sera abbiamo gustato anche delle ottime frittelle fatte in casa! Abbiamo trascorso il resto della serata giocando a carte con Victoria e Nicolai. Siamo andati a letto presto per riposarci ed essere pronti per un’altra fantastica giornata come questa, piena di esperienze e vissuta con nuovi amici!

     Stefano 

    Giovedì 13 febbraio 2020

    Alle 8:30 siamo partiti da Kruszwica per andare a Toruń. Lì abbiamo visitato un planetario. La visita è stata molto interessante, ma non ho capito proprio tutto perché l’audioguida di base in polacco era sovrapposta a quella aggiuntiva in inglese, per cui molti particolari mi sono sfuggiti. Comunque il planetario era davvero bello, sono stato colpito dalle bellissime immagini e ho ricevuto molte informazioni riguardo ai pianeti, ad esempio da cosa sono composti e quali sono le loro temperature. Mi ha colpito in particolare Titano, un satellite di Saturno, sul quale ci sono piogge, venti, mari, fiumi e laghi di metano. Lì il metano è presente in tre diversi stati: solido, liquido e gassoso proprio come avviene per l'acqua sulla Terra. C’erano poi informazioni riguardo alle costellazioni e in generale alle stelle. Sempre a Toruń abbiamo visitato un museo dedicato a Copernico, il grande scienziato che ha ideato il sistema eliocentrico e che è originario proprio di Toruń. In questo museo c'erano in mostra oggetti scientifici inventati da Copernico o anche da altri famosi scienziati e oggetti utilizzati da Copernico durante la sua vita. Abbiamo mangiato in un ristorante di Toruń e, successivamente, verso quella che a me sembrava sera, ma che in realtà erano le 14:30, siamo andati a vedere tre osservatori e un grande radiotelescopio a Piwnice.

    Il primo osservatorio era piccolo e consisteva in una piccola stanzetta in cui c'era un telescopio. Abbiamo visto come si apriva il tetto, ma non abbiamo effettuato osservazioni. La guida ci ha spiegato che questo osservatorio è stato utilizzato per studiare le macchie solari. Sul sole si generano dei campi elettromagnetici che bloccano il calore proveniente dall'interno. Questo comporta un abbassamento della temperatura fino a 1000 gradi (che per il sole è pochissimo) in alcune aree che a noi appaiono come macchie. Il numero di macchie è in relazione all'attività solare. In alcune epoche passate non ci sono state macchie solari e quindi sulla Terra la temperatura è stata inferiore. Negli ultimi anni invece il numero di macchie è aumentato e secondo molti questo ha contribuito al riscaldamento globale.

    L'altro osservatorio era più grande. La guida ci ha parlato del colore della luce del sole. Analizzando lo spettro della luce del sole, si nota che la maggior parte è di colore verde per effetto dell'elio. Ci ha anche parlato della classificazione delle stelle in base allo spettro di luce. A proposito di spettro, la guida ci ha spiegato che venne permesso alle donne di eseguire esperimenti scientifici perché avevano una vista migliore. Infine abbiamo fatto visita al radiotelescopio, una struttura enorme utilizzata per captare segnali radio dallo spazio.

    Federico

     

    Venerdì 14 Febbraio 2020

    Alle 8.30 siamo partiti per Poznan e in circa 2 ore siamo arrivati a Konin dove abbiamo visitato il museo delle rappresentazioni in micro scala, nel quale sono stati ricostruiti molti eventi storici come la seconda guerra mondiale, lo sbarco in Normandia, la prima bomba nucleare e molti film famosi come Jurassic Park, Avatar, Il Bigfoot e molte rappresentazioni della saga di Star Wars.

    In una delle rappresentazioni c'era la stazione spaziale internazionale detta ISS circondata da numerosi satelliti artificiali! Abbiamo anche assistito a dei filmati animati in 6D che sono stati molto coinvolgenti ed elettrizzanti.

    Alle 12.00 ci siamo diretti verso Poznan, siamo arrivati in un ristorante e abbiamo mangiato. Subito dopo aver mangiato abbiamo conosciuto la vecchia città di Poznan facendo visita a un museo che è stato molto coinvolgente e interessante. La visita era accompagnata dalle audioguide con cui ognuno poteva ascoltare la storia della sala in cui era grazie a dei GPS che rilevavano in che posizione eravamo. Abbiamo così potuto visitare alcune ricostruzioni virtuali del castello di Poznan: la sala del trono, la sala degli armamenti e la sala delle ricchezze.

    Alla fine della mostra siamo ripartiti e verso le 17.30 siamo arrivati a Kruszwica.

    Filippo

     

    Sabato 15 febbraio 2020, ultimo giorno di questa nostra bellissima esperienza.

    Alle 9 il nostro gruppo si è trovato davanti alla scuola dove abbiamo fatto delle foto e ci siamo salutati con i ragazzi polacchi e le loro famiglie per l’ultima volta. Finito di salutarci siamo saliti sul pulmino direzione Varsavia. Durante il tragitto di circa 2 ore e mezza, abbiamo inizialmente fatto qualche riflessione sulla settimana trascorsa e successivamente abbiamo giocato al vampiro (il gioco che più ci ha accompagnato per tutta la settimana). Una volta arrivati a Varsavia abbiamo visitato il museo interattivo Copernicus Science Centre. Qui abbiamo subito pranzato e poi abbiamo trascorso il pomeriggio divertendoci con gli esperimenti scientifici.

    La visita a questo museo è stata veramente molto avvincente e interessante. Terminata la visita al museo siamo corsi a prendere il pullman, che ci ha portato in aeroporto. Arrivati in aeroporto abbiamo fatto il check-in e i dovuti controlli doganali. Una volta nella zona partenze noi ragazzi abbiamo cenato al McDonald’s mentre i professori hanno mangiato un un ristorante vicino. Finito di cenare siamo andati a prendere la navetta che ci ha portato davanti al nostro aereo. Saliti sull'aereo siamo partiti, e una volta finita la fase di decollo, le hostess sono passate con delle merendine tipiche polacche per tutti. Verso le 22:15 siamo atterrati sani e salvi a Milano. Abbiamo ritirato i bagagli e mentre stavamo uscendo ci hanno misurato la febbre. Una volta usciti abbiamo rivisto le nostre famiglie e ci siamo salutati tutti direzione casa.

    Francesca

     

     

     

     

    © 2021 issproject.eu All Rights Reserved

    Please publish modules in offcanvas position.